Il Rugby Il nostro credo Le quindici verità mentali

Sun,20Aug2017

Le quindici verità mentali

LE QUINDICI VERITA’ MENTALI

Di Claudia Cavaliere(Psicologa dello sport)

Seguire le 15 verità mentali deve essere visto come il voler concepire un modo nuovo di pensare. Si riveleranno come forza personale per tutti coloro che raggiungeranno il giusto equilibrio tra forza fisica e forza mentale durante tutte le fasi dello sviluppo.”

1) Tu diventerai quello che pensi ogni giorno!

La domanda è: a cosa pensi tutto il giorno? Quali sono i tuoi pensieri dominanti? Sono positivi e produttivi o sono controproducenti?

2) I giocatori stessi sono gli autori delle loro virtù e dei loro pensieri che scelgono ed incoraggiano

La loro mente sarà la tessitrice del carattere interno e di ciò che trasparirà all’esterno durante le partite.

3) Un giocatore è ciò che pensa nel suo cuore

Questa verità non solo abbraccia completamente ciò che un giocatore è, ma permette di comprendere come arricchire in ogni occasione e circostanza le proprie abilità;

4) Ogni seme di pensiero che è seminato nella mente, metterà radici producendone altri.

I buoni pensieri producono buona frutta, i cattivi pensieri producono frutta marcia. La domanda è : che genere di frutta mentale produci?

5) La mente di un giocatore può essere paragonata ad un giardino che può essere intelligentemente coltivato o lasciato a riempirsi di erbacce;

ma sia che venga coltivato sia che venga abbandonato produrrà risultati. Se finora hai ottenuto risultati non soddisfacenti, non prendertela con gli altri, mettiti a coltivare intelligentemente il tuo giardino e vedrai che otterrai risultati positivi;

6) I giocatori non attirano verso se stessi ciò che desiderano ma quello che sono

Chi sei realmente? Un giocatore che ha il controllo dei propri pensieri o sei controllato dai tuoi pensieri

7) I giocatori sono ansiosi di migliorare le proprie prestazioni ma, molte volte non sono disposti a migliorare se stessi

Dovranno allora invertire il processo. Per migliorare le proprie prestazioni esterne, il giocatore deve prima migliorare le sue forze interne. Solo così riuscirà a costruire delle solide basi su cui fare affidamento.

8) Penso dunque sono

Ognuno diviene ciò che i suoi pensieri fanno di se. Ricorda che sarai sempre ciò che pensi di te.

9) I giocatori incapaci di emozionarsi dovranno lottare contro prestazioni indesiderate.

Tutti coloro che cominceranno ad usare le emozioni come aiuti ai propri progressi, scopriranno dei poteri ignoti e le possibilità della propria mente.

10) Talvolta i giocatori immaginano che i propri pensieri possano essere tenuti segreti. I pensieri sono dei processi interni che rapidamente si insinuano nelle abitudini comportamentali. Queste abitudini sono ben visibili durante le prestazioni sportive. Qui è celato il segreto dl pensiero.

11) Il corpo è il servitore della mente.

Rispetta le operazioni ed i comandi della mente

12) Fino a che i pensieri di un giocatore saranno collegati ad un evento positivo occasionale, non ci potranno essere miglioramenti.

Un giocatore dovrà sempre concepire uno scopo raggiungibile o un traguardo nel suo cuore e realizzarlo esteriormente. Dovrà fare di questo scopo il punto centrale di riferimento dei suoi pensieri

13) Il giocatore che ha vinto i suoi dubbi e le sue paure ha vinto le sue sconfitte

Ogni suo pensiero è potente ed ogni sua prestazione sarà affrontata con coraggio e superata con soddisfazione.

14) Il più grande traguardo, da raggiungere per un giocatore è prima di tutto un sogno cresciuto nella sua mente.

Il giocatore intelligente sa che la grande quercia del bosco è nata da una piccola ghianda caduta per terra. Un giocatore deve costruire i suoi sogni ragionando ogni giorno e cercando di realizzarli.

15) Un giocatore deve solo gravitare verso ciò che ama, segretamente di più.

Nelle sue mani unisce sia i risultati positivi che i suoi pensieri, sia ciò che ha guadagnato dalla sua disciplina mentale

Last modified on Martedì 21 Agosto 2012 12:31
More in this category: Carta diritti dei bambini »